Lo Store ufficiale del Polo Museale Fiorentino | Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della citta' di Firenze

No products in the cart

Catalogo della mostra: Firenze, Museo Nazionale del Bargello, 9 aprile-13 luglio 2014. La mostra intende restituire finalmente a Baccio Bandinelli (Firenze, 1493-1560) la sua posizione di rilievo nel panorama della scultura italiana del Cinquecento, dopo l'ostracismo della critica negli ultimi due secoli. La sua biografia è tra le più estese fra le Vite del Vasari, che definì Baccio ''universale artefice'', detestando il suo carattere, ma riconoscendo il suo genio. Dalla sua morte (1560) e fino a tutto il neoclassicismo, l'ammirazione per l'artista fu pressoché unanime: Bandinelli era considerato con Michelangelo il massimo scultore della sua epoca ed è innegabile che, dopo il Buonarroti, egli sia la figura di maggior rilievo nel campo della scultura del Cinquecento assieme a Jacopo Sansovino e a Benvenuto Cellini, suo acerrimo nemico. Fu anche il fondatore, a Roma, della prima Accademia per giovani artisti e ci ha lasciato uno dei più estesi carteggi di artisti del Cinquecento. I suoi committenti principali furono dapprima i due papi di casa Medici - Leone X e Clemente VII - e poi il duca Cosimo I, di cui divenne lo scultore ufficiale. Grande ''disegnatore'', fin dalla giovinezza Bandinelli primeggiò su tutti i concorrenti (spesso di gran nome) e si assicurò - a Firenze e a Roma, ma non solo - le imprese artistiche più impegnative e prestigiose: dall'Orfeo di palazzo Medici, al Laocoonte degli Uffizi, all'Ercole e Caco di piazza della Signoria, al Monumento a Giovanni dalle Bande in piazza San Lorenzo, fino ai grandi complessi scultorei dell'Udienza in Palazzo Vecchio, del Coro di Santa Maria del Fiore o
delle Tombe di Leone X e di Clemente VII in Santa Maria sopra Minerva, a Roma. La mostra presenta molte sue opere di scultura e di pittura, i disegni e le stampe di sua invenzione, bronzetti, medaglie, modelli in piombo e in cera, i rilievi (in marmo, stucco, bronzo) che gli sono riferiti con certezza o che derivano da suoi originali, a confronto con studi grafici preparatori. Accanto ai capolavori - come il Bacco di palazzo Pitti, le opere del Bargello, o i rilievi marmorei del coro del duomo - sono esposti i busti-ritratto di Cosimo I e il magnifico Mercurio giovanile del Louvre; in pittura, la Leda e il cigno, unico dipinto del Bandinelli sicuramente autografo e mai presentato in una mostra; e il celebre Autoritratto dell'artista dell'Isabella Stewart Gardner Museum di Boston. I grandi monumenti pubblici, sacri e profani (necessariamente assenti dalla mostra, ma documentati in video) e l'intero corpus dell'opera bandinelliana sono ampiamente illustrati e commentati in catalogo, al pari delle opere esposte. Una nuova ampia campagna fotografica, realizzata per l'occasione, consente di apprezzare le opere del Bandinelli anche nei raffinatissimi dettagli.
46.00

Select an option

Free search

Search products related to a work or an artist

Use the search field and drop down menu to find all the products related to an artist and your favorite works